DAI FRUTTETI METAPONTINI –

Inverno mite e mancato accumulo di ore di freddo per questa coltura

Albicocco tra emergenze fitosanitarie e problemi di fruttificazione

FR_14_10_albicocco_Nora

Nel Metapontino le condizioni climatiche invernali e primaverili hanno inficiato in maniera rilevante i risultati produttivi quanti-qualitativi per questa specie. La mancanza di freddo, a causa delle temperature miti nella stagione invernale che ha avuto connotati di una lunga primavera senza i rigori tipici della stagione, non ha consentito l’accumulo di ore di freddo durante il riposo vegetativo invernale. A questo bisogna aggiungere le nebbie e piogge concentratesi proprio nel periodo della fioritura, che hanno aggravato una situazione già di per sé negativa. Le cause di tale stato sono riconducibili a condizioni climatiche non favorevoli alla differenziazione a fiore, che per alcune varietà hanno determinato la mancata fioritura. Tale situazione è attribuibile ad una serie eventi che si sono verificati già a partire dall’autunno scorso, quando temperature al di sopra della media, hanno ritardato la caduta delle foglie nel mese di dicembre, procrastinando il timing dell’inizio del soddisfacimento del fabbisogno in freddo. Nella stagione invernale, analizzando i dati di ore di freddo, a parte il mese di dicembre, in cui si è avuto un congruo accumulo di ore, nel mese di gennaio in quasi tutte le stazioni ne sono state registrate poche. A questo si aggiungono eventi meteorici avversi come la grandine che ha comportato, laddove erano presenti delle produzioni, un danneggiamento delle stesse con risvolti negativi sulla qualità. La specie che ha subito più danni è l’albicocco che accusa perdite complessive in termini quantitativi di circa il 60-70% rispetto ad una annata ordinaria. Nell’ambito varietale quelle maggiormente danneggiate sono state Kioto con una produzione quasi azzerata, data la mancata o disforme fioritura; perdite del 50% ha accusato Orange rubis. Questo comportamento deve aprire una riflessione sull’introduzione di varietà ad alto fabbisogno in freddo nel nostro areale, visto che spesso le varietà introdotte, tranne che in alcuni casi, sono state selezionate in ambienti climaticamente differenti dai nostri con molte ore di freddo.

Le varietà coltivate
 
Il calendario di maturazione in Basilicata inizia intorno al 25 aprile con Ninfa coltivata in ambiente forzato e che continua in pieno campo fino a fine maggio; segue Wondercot*, autoincompatibile, che presenta frutti dolci e aromatici, ma tra i punti deboli si riscontra la maturazione all’apice del frutto, la cascola preraccolta e il cracking nelle annate piovose, nonché la frattura del nòcciolo. Seguono una Bora, Carmentop® CarmenPop* A. Errani, Bella d’Imola, Bella d’Italia, Precoce d’Imola, Orange rubis® Couloumine*, (la più impiantata degli ultimi anni, con frutti sovraccolorati e di buon sapore, anche se tende a macchiarsi, carattere che la rende idonea per le filiere corte in termini logistici). Tra le vesuviane Cafona, Vitillo, S. Castrese, Palummella, Portici, Pellecchiella, Boccuccia con buon sapore e caratteri estetici tradizionali non più in cima alle preferenze del mercato, solo Portici e Pellecchiella rispettano gli attuali canoni, anche per la buona predisposizione alla trasformazione industriale. In ultimo Kioto, autofertile, che presenta frutti molto sovraccolorati di sapore discreto, ha avuto una buona diffusione nei campi commerciali, con risultati interessanti da un punto di vista produttivo ma che in quest’annata, con basso numero di ore di freddo soddisfatte, ha tradito le aspettative dei frutticoltori.

Le nuove introduzioni

L’introduzione di nuove varietà che, prima di essere diffuse su scala commerciale, necessitano di osservazioni pluriennali e in diverse condizioni ambientali, grazie al lavoro svolto dai centri di sperimentazione pubblica, ma anche dalle osservazioni effettuate in campi commerciali-catalogo, dove su poche varietà è possibile mettere a punto anche una tecnica colturale appropriata. La completezza di giudizio è legata ai tempi di valutazione, almeno 4-5 anni, lasso di tempo che consente di verificare il comportamento in differenti condizioni annuali climatiche (ore di freddo, umidità dell’aria, ecc.). Spesso, però, la forte pressione nell’introduzione delle nuove varietà porta ad una riduzione dei tempi di valutazione con rischi oggettivi di insuccessi produttivi. Molte delle nuove introduzioni sono autoincompatibili, per cui si rende indispensabile l’abbinamento di adeguati impollinatori, che variano rispetto alle diverse zone. Rispetto alle esigenze in freddo, negli ultimi anni sono state introdotte varietà a basso e/o ridotto fabbisogno (Mogador, Margotina, Colorado, Flopria, ecc.) con fioriture precoci, la cui completa valutazione è in corso, anche se alcuni aspetti risultano ormai acquisiti. Per Mogador si riscontra una sensibilità alla spaccatura all’apice, riscontrata anche con stagioni primaverili non particolarmente umide e piovose. Nella stessa epoca sono state introdotte altre varietà come Tsunami*, autoincompatibile, che per produrre va ben impollinata, e che può presentare spaccature lungo la linea di sutura. Per Pricia* e Banzai*, autofertili, introdotte da pochi anni resta da verificare l’adattabilità ai diversi ambienti di coltivazione. Rubistà*, autofertile, presenta frutti molto colorati violacei, molto dolci, da confermare la produttività e la risposta del mercato a frutti totalmente diversi anche dagli standard commerciali introdotti negli ultimi anni. Nei campi commerciali è da 5 anni introdotta l’autofertile Flopria*, selezionata a Murcia in Spagna, le indicazioni sono positive per la produttività, discreto il sapore dei frutti, anche se a volte presentano una leggera rugginosità. Per gli aspetti produttivi è stato riscontrato un comportamento positivo per Flavor Cot® Bayoto*, di ottimo sapore, che è risultata tra le migliori varietà attualmente in valutazione. Il calendario tardivo inizia con Pieve, di discreta produttività (anche se quest’anno ha avuto un comportamento simile a Kioto), anche se di piccola pezzatura ma di ottime caratteristiche organolettiche, con maturazione a cavallo tra giugno e luglio. Di particolare interesse è la produzione molto tardiva che inizia con Faralia, con frutti di sapore interessante, a seguire dopo circa tre settimane si raccoglie Farbaly, con frutti di bell’aspetto e di buon sapore, chiudono questa fase Fardao, Farclo e Farius, accomunate da frutti di buon sapore più o meno sovraccolorati, particolarmente resistenti alle temperature estive che consentono una buona tenuta sulla pianta. In questo modo il calendario di produzione parte da fine aprile in coltura forzata e termina a fine luglio, passando da 60 giorni a 90 giorni di offerta.

Le varietà resistenti a Sharka
 
L’emergenza fitosanitaria causata dalla Sharka (PPV – virus della vaiolatura del susino) in alcune aree della Basilicata sta determinando l’impossibilità di coltivare drupacee. La prima varietà ad essere commercializzata in Italia è stata Bora*, a maturazione precoce, epoca di fioritura intermedia, frutti di grossa pezzatura e un colore aranciato intenso, polpa di buona consistenza e dolce. Questa varietà è ben diffusa e sta offrendo discreti risultati. Negli ultimi anni sono state introdotte le varietà resistenti al ceppo PPV-D, selezionate in Spagna dal Cebas di Murcia, Mirlo Blanco, Mirlo Rojo e Mirlo Naranja, che presentano autocompatibilità e maturazione precoce, quasi tutte nel mese di maggio. Attualmente non si hanno dati sufficienti sul comportamento negli ambienti meridionali, bisognerà verificare l’eventuale esigenza di copertura per proteggerle da eventuali ritorni di freddo e le caratteristiche dei frutti.

Allegati

Scarica il file: Albicocco tra emergenze fitosanitarie e problemi di fruttificazione

Pubblica un commento