Sperimentazione varietale sulla fragola

Tante novità, ma Candonga resta leader


fragola

La fragolicoltura nel Metapontino rappresenta un punto saldo nell’economia agricola regionale, dato confermato dal continuo aumento delle superfici. Da stime condotte, nel 2017 si avrà un aumento delle superfici che si attesterà intorno ai 900 ha. L’incremento annuo è costante e si aggira intorno all’8%; tale aumento non determina surplus produttivi in quanto le nuove quantità prodotte si riescono a gestire bene sui mercati; questo anche per il prodotto di qualità che si ottiene nel Metapontino grazie ad una serie di fattori, come la vocazionalità ambientale e la professionalità degli operatori agricoli. Questi, negli ultimi anni, con il passaggio dalla pianta frigo-conservata a quella fresca, hanno notevolmente affinato la tecnica colturale, tanto da ottenere “perfomance” quanti-qualitative che hanno fatto accrescere la produzione e la redditività della coltura.
Nell’ottica della destagionalizzazione produttiva, ampliando l’offerta nella fase tardiva di mercato, diverse sono le aziende che da qualche anno praticano la coltura autunnale, inizialmente con varietà come Splendor e San Andreas, ormai abbandonate, ed oggi con Florida Fortuna, molto produttiva, con frutti di buona qualità.
La sperimentazione varietale
Nel 2016 Candonga® Sabrosa* è stata leader indiscussa dello standard varietale del Metapontino; affermatasi soprattutto grazie alle ottime caratteristiche organolettiche, ha goduto di un grande lavoro di sviluppo svolto dai fragolicoltori, che hanno messo a punto una tecnica colturale che consente a questa cultivar di esprimere al meglio le proprie caratteristiche quanti-qualitative.
Altre varietà sono coltivate nel panorama produttivo del Metapontino; fra queste le più meritevoli sono:
• Sabrina: simile a Candonga per caratteristiche qualitative, aspetto e grado zuccherino del frutto, ma più produttiva.
• PIR 5: interessante soprattutto per la produttività, ma che non ha avuto la diffusione prevista.


Pubblica un commento